Questo sito non utilizza cookies di profilazione, nè propri nè di altri siti. Vengono utilizzati cookies tecnici per consentirti una più facile fruizione di alcune funzionalità del sito e Google Analytics per migliorare le funzionalità del sito

Micologia

| Rate this article
( 0 Votes ) 
| 85 Hits | Comment count: 0

Boletus pinophilus Pilát & Dermek

Boletus pinophilus Pilát & Dermek

L'ultimo porcino di cui parleremo è il "Rosso, il porcino dei pini" il Boletus pinophilus Pilát & Dermek

Dal latino pinus = pino e phileo = amico dei pini, per l'habitat preferito ma non esclusivo.

Probabilmente tra i quattro è il più bello, quello con la forma più "precisa", un bellissimo fungo da fotografare, meno saporito rispetto agli altri tre.

 

Tra i quattro, è il primo a fare la comparsa in primavera e l'ultimo ad abbandonare i boschi.

Cresce sia sotto latifoglie che sotto conifera prediligendo quest'ultima.

Il cappello si presenta di un color rossiccio di diverse tonalità, spesso rugoso e irregolare.

Il gambo, obeso, presenta un bel colore chiaro, talvolta, a maturità, rosso anch'esso.

La carne si presenta bianca immutabile, con un odore gradevole ma poco significativo rispetto agli altri porcini.

Un piacere per gli occhi trovare questa bellissima specie. Talvolta crea degli altarini spettacolari con l'arrivo della prima neve. Raggiunge dimensioni importanti, facile imbattersi in esemplari di oltre due kg.

Antonio De Marco

| Rate this article
( 0 Votes ) 
| 179 Hits | Comment count: 0

Boletus edulis Bull. : Fr.

Boletus edulis Bull. : Fr.

Dal latino “edulis” = commestibile.

Forse il più conosciuto tra i porcini, ottimo commestibile, si può conservare essiccato, oppure conservato sotto olio. il "porcino" per eccellenza.

Cresce sia sotto latifoglie che sotto conifera, frequente in tutta Italia dalle Alpi alla Sicilia. Compare da luglio/agosto fino alla fine dell'autunno, su alcuni litorali italiani, qualche sporadico esemplare, lo si può rinvenire anche negli inverni tiepidi.

 

Il cappello si presenta con un color nocciola o marroncino, al margine si sviluppa un filino bianco. Cuticola untuosa, asciutta e opaca a tempo secco e viscida e brillante con umidità.

 

Il gambo, obeso, presenta un bel colore chiaro, quasi bianco.

La carne si presenta bianca immutabile, con un odore molto gradevole e caratteristico.

Una bellissima specie che rende fieri i cercatori e amanti del genere.

 

 Antonio De Marco