Questo sito non utilizza cookies di profilazione, nè propri nè di altri siti. Vengono utilizzati cookies tecnici per consentirti una più facile fruizione di alcune funzionalità del sito e Google Analytics per migliorare le funzionalità del sito

Micologia

| Rate this article
( 0 Votes ) 
| 2581 Hits | Comment count: 0

I PORCINI

I PORCINI

Forse non tutti sanno che per "porcini" si intendono quattro specie diverse di fungo, appartenenti alla famiglia delle Boletaceae, genere Boletus, sezione Edules e sono:
1) Boletus aereus Bull.
2) Boletus reticulatus Schaeff.
3) Boletus edulis Bull. : Fr.
4) Boletus pinophilus Pilát & Dermek.


Il Boletus aereus, detto "Porcino nero" un fungo maggiormente presente nel sud Italia, meno al nord, presenza massiccia nel nostro Parco Nazionale del Pollino.
Viene anche chiamato bronzino, dal latino aes= bronzo, per il colore del cappello e da queste parti prende il nome di "Capu niviru" (testa nera).
A detta di molti è, tra i quattro, quello che meglio si presta in cucina, presenta le qualità organolettiche migliori, preferito al palato anche per la consistenza della carne, più soda tra tutti i porcini.
Viene definito ancora "porcino delle querce" in quanto predilige questo tipo di habitat, ma attenzione, il Boletus aereus non cresce solo sotto quercia come molti pensano, bensì lo si può trovare sotto una moltitudine di latifoglie quali castagno e faggio.
Il cappello, oltre al caratteristico colore scuro o addirittura nero, può presentare varie sfumature, nelle parti in cui il sole è filtrato meno (a causa di fogliame) le colorazioni sono più chiare, la variabilità cromatica del cappello di questa specie è davvero interessante.
Il B. aereus può raggiungere ragguardevoli dimensioni, talvolta superando anche i 40 cm, emisferico da giovane poi convesso ed appianato con l'età. La superficie è finemente vellutata, cosparsa di pruina bianca evanescente(bene evidente nella foto) .
Il gambo, di color castano chiaro, ha la tipica forma “boletoide”, ingrossato alla base si attenua verso l'alto, ricoperto da un fitto reticolo concolore.
La carne si presenta bianca immutabile, con un odore molto gradevole, soda e compatta, a fungo molto maturo molliccia.


Il Boletus aereus è uno di quei funghi che emoziona il cercatore, sempre un piacere trovare una fungaia di questa bellissima specie. Emozionante e abbastanza frequente trovare più esemplari cresciuti in prossimità tra loro.

Dott. Antonio De Marco

| Rate this article
( 0 Votes ) 
| 1980 Hits | Comment count: 0

Il Micologo Feature

Il Micologo

 

Heilà!

Mi chiamo Antonio De Marco e sono un micologo iscritto all’albo nazionale con tessera n. 2855.

La passione verso il magico mondo dei funghi è nata tantissimo tempo fa, quando, in tenerissima età e sempre al fianco di mio padre, girovagavo per i boschi alla ricerca di splendidi “porcini”. Negli anni questa mia passione è diventata forte curiosità.

Le forme, i colori, le varie strutture dei fantastici miceti, in un misto tra mistero e meraviglia, hanno attirato sempre di più la mia attenzione.

Fin quando ho deciso di intraprendere un favoloso percorso rendendo “professionale” questa mia passione! Il corso biennale di formazione micologica della storica scuola di Trento, una delle esperienze più belle della mia vita.

Da quel momento mi occupo di mostre, escursioni, corsi, seminari e attività varie a tema micologico!

 

Contatti:

www.facebook.com/AntonioDeMarcoMicologo

www.youtube.com/channel/UCNB-LGmul9cB7AXWm3U6vZw

www.instagram.com/funghiecoloridelbosco/?hl=it