Questo sito non utilizza cookies di profilazione, nè propri nè di altri siti. Vengono utilizzati cookies tecnici per consentirti una più facile fruizione di alcune funzionalità del sito e Google Analytics per migliorare le funzionalità del sito

Racconta il trekking

Creato: Mercoledì, 03 Giugno 2020 22:09
Rate this article
( 1 Vote ) 
Comment count: 0
Visite: 5565
Ultima modifica: Mercoledì, 03 Giugno 2020 22:22

Pollino... Panorami 360°

Pollino... Panorami a 360°

Civita - Parco Nazionale del Pollino

Il Parco Nazionale del Pollino offre panorami e scorci stupendi, la natura qui continua il suo cammino tra colori e profumi offrendo, a chi si sofferma ad osservare, panorami e sensazioni uniche. Nelle foto che seguono possiamo osservare uno dei luoghi che amo, proprio per la varietà e suggestività degli scorci che offre. La Timpa del Demanio, questo straordinario punto panoramico che offre lungo il sentiero che conduce in cima a 855 m s.l.m. una grande varietà di piante, come la ginestra, il ginepro, il leccio,la farnia, il cisto, il timo e altre svariate piante che con il loro profumo inebriano la passeggiata. Ma lo spettacolo che mozza il fiato è quando si esce dal bosco e si può ammirare gli spettacolari panorami che madre natura offre...

Una distesa di ginestre  che accompagna lo sguardo fino alle Timpe di Porace e Cassano, con le Gole del Raganello che dividono questa distesa giallo-verde dal bosco di Santa Venere...

Il Raganello, fiume a carattere torrentizio lungo 32 km, che al suo nascere forma uno spettacolare Canyon. Le gole del Raganello vengono divise in Gole alte o Gole di Barile che si dipartono dalla Sorgente della Lamia fino a raggiungere la cosiddetta Scala di Barile, nei pressi di San Lorenzo Bellizzi, in un percorso di circa 9 km, e Gole basse che si dipartono dalla zona Pietraponte, un singolare macigno incastonato tra le pareti che da secoli funge da passaggio, fino a raggiungere la zona il famoso e suggestivo Ponte del Diavolo, nei pressi di Civita, in un percorso di circa 8 km.

 Spostando ancora lo sguardo ecco scorgere la piana di Sibari e il Mar Ionio, con i Monti della Sila a fare da cornice ad un luogo dove la storia, non solo è passata, ma è stata scritta e vissuta, partendo dallo splendore della civiltà magnogreca, sino ad arrivare ad oggi...

Un viaggio fatto di sguardi e di emozioni che solo ammirandolo in silenzio si riesce a cogliere interamente...