Questo sito non utilizza cookies di profilazione, nè propri nè di altri siti. Vengono utilizzati cookies tecnici per consentirti una più facile fruizione di alcune funzionalità del sito e Google Analytics per migliorare le funzionalità del sito

News Pollino

Il nevaio del Pollino

Due foto che ci mostrano in data 8.5.2021 il nevaio sul Monte Pollino, grazie agli scatti della Guida Ambientale Stefano Saetta che ci ha regalato questa emozione!

Il Ghieghio e il Lupo

Romanzo

di

Salvatore Franco

Nel piccolo paese di Firmo, in Calabria, la vita scorre Tranquilla, tra il folclore paesano e le tradizioni della comunità Italo-Albanese. Antonio è un ragazzino vivace e spensierato, che aspetta la festa grande di ferragosto, per ammirare assieme ai suoi amici, i fuochi d’artificio. La sua vita è tutta lì, in quel borgo, ne quale si sente protetto, come in un nido. Sogna di viaggi e avventure e nel frattempo, ammira le montagne del Pollino. Nel suo vivere leggero, fianco a fianco con il padre, impara i segreti del vigneto e nell’estate più bella della sua adolescenza, conosce Giulia, una ragazzina che abita al nord e che puntualmente scende in vacanza, per far visita ai parenti. Crescendo conoscerà altre persone e con loro si confronterà, per sentirsi ancor più fiero della sua etnia Arbëreshë. Nel cammino della sua vita imparerà a rialzarsi dalle sconfitte e dalle avversità, vivendo delle situazioni, con tutto il vigore che ha in corpo. Scoprirà la passione per la montagna che gli regalerà forti emozioni e nel suo girovagare tra le cime della sua esistenza, capirà il vero significato della vita.

 

Acquistabile su Amazon

https://www.amazon.it/Ghieghio-Lupo-Salvatore-Franco/dp/B08N1KK5LG/ref=sr_1_1?__mk_it_IT=%C3%85M%C3%85%C5%BD%C3%95%C3%91&crid=1D99CJDJ099FU&dchild=1&keywords=il+ghieghio+e+il+lupo&qid=1619176787&sprefix=il+ghie%2Caps%2C186&sr=8-1

 

I Mulini... storia e racconti

 

Questo è uno scorcio di storia locale che parla del Pollino ed in particolare di Terranova di Pollino.
 
Nel 1700 sul torrente Sarmento esistevano diversi mulini che rappresentavano il punto di riferimento per la macinazione dei cereali per i contadini residenti nei paesi dell intera valle del Sarmento. Nel comune di Terranova di Pollino esisteva e funzionava un Mulino a Gualchiera in località Casa del Conte - Paraturo. La Gualchiera era un piccolo edificio destinato alla manifattura della lana. L'energia del moto rotatorio, impresso dall'acqua alla ruota orizzontale, era trasformato in moto rettilineo alternato. Le camme,     (dischi metallici sagomati) montate su un massiccio albero verticale, sollevano e lasciavano ricadere dei pestelli in legno che gualcavano i panni di lana tenuti in ammollo. Dal 1800 il mulino di Casa del Conte - Paraturo fu utilizzato solo per la macinazione del grano.
Dai racconti di mio nonno Guaragna Antonio:
"Mio padre, Guaragna Francesco mi raccontava che il primitivo mulino era piccolo e riusciva a macinare in una giornata (12 ore) massimo tre quintali di grano. D'estate il mulino riusciva a funzionare usando l'acqua di una vasca (cibbia). Per ogni pieno si macinavano 50 kg di grano. Si andava a deviare l'acqua delle sorgenti Pitta Curcer' nel canale Cugno cumone e Cugno dell'acero. Mio padre dava un quarto di grano alla guardia comunale per impedire che l'acqua fosse deviata nel versante di San Severino Lucano.
I proprietari del mulino sono state le famiglie Guaragna e Viola. Nel 1878 mio nonno, Guaragna Carlo e nel 1898 Viola Antonio hanno sposato Dattoli Filomena il primo e Dattoli Teresa il secondo, entrando in possesso del mulino per via ereditaria. Ogni famiglia faceva il turno di due giorni e due notti se c'era la folla. Venivano dai paesi della vicina Calabria, e dalle frazioni di Terranova di Pollino, ( Destra delle Donne, Vernile, Tavernola), con gli asini le mule ed anche a piedi. D'inverno se si rimaneva senza farina, si legava il sacco anche all'altro estremo, e portandolo sulle spalle come una bisaccia, si trasportavano al mulino 30 kg di grano.
 
 
Nel 1934 avevo 7 anni quando per la prima volta venne costruita la "saitta" (cascata), costruita dai falegnami del posto con doghe di abete lunghe 7 metri, sostituendo quella realizzata con un tronco di abete nell'anno 1906. Mio padre Francesco mi raccontò che la saitta era stata ricavata da un tronco di abete bianco lungo 7 metri, tagliato in due con dei cunei e svuotato dalla parte fradicia. Qui vennero unite con dei cerchi di ferro. Gli scalpellini prepararono una pietra dello spessore di un metro. Il tronco di abete, con l'aiuto di tutta la gente, venne alzato con pali, scale e funi, (come si fa per la pita di Sant'Antonio) e incastrato nel cilindro incavato nella pietra. La cascata durò circa 25 anni.
L'acqua, presa nel fiume Sarmento, alimentava la cascata con l'acquara e azionava la ruota idraulica orizzontale. Questa era collegata con un asse verticale alla macina di pietra superiore, che sfregando su quella fissa inferiore, sfarinava il grano che cadeva dalla tramoggia. Nel 1953 le prime macine, costruite dagli scalpellini del luogo con le pietre del Salice e San Migalio, furono sostituite con quelle della Provenza provenienti dalla (Francia). Il mulino così raggiunse il massimo della produzione: macina di un quintale di grano in un'ora.
Il mulino ad acqua Casa del Conte - Paraturo funzionò sino al 1968. In quell'anno come nel 1945, una tempesta con la conseguente piena del fiume distrussero l'acquara e la cascata ormai lesionata dalle incurie del tempo.
 
Luca Tufaro

Tropea

Concorso dei borghi più belli d’Italia 2021

 

Vince Tropea vince la Calabria una sfida tra eccellenze, 260 i borghi in gara, di cui 20 approdati alla fase finale. Tropea la spunta, rappresentando tutta la Calabria, precedendo sul podio Baunei (Sardegna) e Geraci Siculo.

Ecco qualche scatto per rende omaggio a questo posto incantevole...


  

 

 

 

Ph. G. Sangineti

 

Crolla la storia

foto del 30.01.2021

In un sopralluogo effettuato sul colle di Santa Maria del Castello (Castrovillari), nel ricercare uno degli scorci che più preferisco, mi accorgo che la grotticella alle spalle del Santuario è crollata! Numerosi i racconti, le storie e le tracce di una Castrovillari che non esiste più e che sta lentamente crollando per effetto del tempo e delle intemperie.

come si presentava la grotticella prima del crollo

Pensare ad un recupero dell'area potrebbe essere un progetto arduo ma di grande valenza storica... con prospettive importanti sulla ricerca e sul turismo!

Ph. G.S.